Smart working 2024: cosa prevede la normativa?

Proroga smart working per dipendenti del settore privato con figli under 14 anni e lavoratori fragili

In questo articolo riassumiamo le ultime proroghe del lavoro agile/smart working previsto per il settore pubblico e privato.

Il DECRETO ANTICIPI (decreto-legge 18 ottobre 2023, n. 145, qui il testo coordinato con la legge di conversione 15 dicembre 2023, n. 191) all’art. 18 bis rinnova la proroga al 31 marzo 2024 del diritto allo Smart Working agevolato per: i lavoratori fragili ai sensi del Decreto 4/2/2022 ed i lavoratori-genitori con figlio minore under 14 del settore privato. Il termine era fissato al 31 dicembre 2023 dal Decreto Lavoro 2023 – DL 48/23 conv. con mod. con L. n.85/2023 – art. 42 comma 3-bis).

L’Emendamento approvato in conversione di legge del cosiddetto “Decreto Anticipi” stabilisce per i lavoratori dipendenti del settore privato con figli fino a 14 anni, diritto allo smart working fino al 31 marzo 2024. 

Il testo è stato approvato anche alla Camera e si attende solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Smart working: proroga per lavoratori fragili

Smart working 2024: le regole

I genitori dipendenti del settore privato con almeno 1 figlio under 14 anni, continuano a poter lavorare in modalità agile fino al 31 marzo 2024, anche in assenza degli accordi individuali. Per accedere al diritto smart working, bisogna rispondere a specifiche condizioni che riepiloghiamo di seguito:

      • La tipologia di attività lavorativa deve essere compatibile con la modalità da remoto

      • Non è previsto il cambio mansione

      • Il diritto si applica se anche l’altro genitore lavora e solo se non è destinatario di strumenti di sostegno al reddito

      • Obblighi informativi previsti dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81.

      • Gli obblighi sulla salute e sicurezza sul lavoro di cui all’articolo 22 della medesima legge n. 81 del 2017, possono essere assolti in via telematica anche ricorrendo alla documentazione resa disponibile dall’INAIL.

      • La prestazione lavorativa in lavoro agile può essere svolta anche attraverso strumenti informatici nella disponibilità del dipendente qualora non siano forniti dal datore di lavoro. 

      • Comunicazione telematica: il datore di lavoro del settore privato comunica al Ministero del lavoro, in via telematica, i nominativi dei lavoratori e la data di cessazione della prestazione di lavoro in modalità agile, ricorrendo alla documentazione resa disponibile sul sito del Ministero. 

    Fonte: conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 ottobre 2023, n. 145, recante misure urgenti in materia economica e fiscale, in favore degli enti territoriali, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili

    Corso di formazione online, specifica aggiuntiva per i lavoratori in SMART WORKING

    Il corso è rivolto ai lavoratori, Preposti, Dirigenti di qualsiasi settore che svolgono la propria attività lavorativa in smart working. L’obiettivo della formazione è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per conoscere i rischi specifici del lavoratore in smart working con un livello di rischio basso.

    Corso formazione lavoratore in smart working

    Ti piacciono i nostri contenuti?

    Non perderti nessuna novità con la newsletter SGI | Sistemi Gestione Integrata

    Appuntamento mensile dedicato agli aggiornamenti normativi e adempimenti in materia di salute, sicurezza sul lavoro, ambiente, sistemi di gestione e privacy. Uno strumento utile per essere sempre aggiornati, conoscere le nostre attività formative ed eventi e condividere le informazioni con i collaboratori.

    Iscriviti alla newsletter SGI - sicurezza sul lavoro