News

Valutazione Impatto Ambientale
5 Set 2018

Sanzioni Valutazione Impatto Ambientale (VIA): dal Ministero i contenuti dei verbali di accertamento

Con la sua recente pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (G.U. n.184 del 09/08/2018) è entrato in vigore il Decreto del Ministero dell’Ambiente 94/2018. Questo provvedimento stabilisce i contenuti minimi dei verbali di accertamento, contestazione e notificazione relativi alla Valutazione Impatto Ambientale (VIA). I verbali, compilati ai sensi di questo nuovo Decreto, saranno necessari per la comminazione della sanzioni previste dall’articolo 29 Testo Unico Ambientale (D.Lgs. 152/2006). Analizziamo i contenuti della nuova norma per capire le nuove indicazioni ministeriali.

La composizione dei verbali relativi alla Valutazione Impatto Ambientale (VIA)

Nell’Allegato 1 del D.Lgs. 94/2018 vengono indicati i contenuti minimi dei verbali per le sanzioni amministrative relative alla VIA. Prendendo spunto proprio da questo Allegato, ecco i contenuti fondamentali che ogni verbale dovrà avere per essere valido.

  • Identificazione del verbale. Il documento deve essere completo di ID, anno di riferimento ed identificativo del provvedimento di VIA;
  • Trasgressore ed obbligato in solido. Devono essere indicati entrambi i soggetti e l’eventuale presenza di deleghe di funzioni;
  • Casi previsti dalla normativa vigente. Devono essere indicati i casi di trasgressione, che secondo la normativa vigente potrebbero essere relativi a:
    • Provvedimento di autorizzazione di un progetto adottato senza la verifica di assoggettabilità a VIA o senza la VIA.
    • Inadempimento o violazione delle condizioni ambientali di cui all’art. 28 o in caso di modifiche progettuali che rendano il progetto difforme da quello sottoposto al procedimento di verifica di assoggettabilità a VIA o al procedimento di VIA;
  • Dettaglio della violazione. Descrizione del fatto costituente illecito con riferimento allo stato dei luoghi accertato e a provvedimento di Valutazione Impatto Ambientale e/o alle relative prescrizioni violate. Eventualmente, bisognerà indicare eventuali sopralluoghi ed allegare i verbali degli stessi;
  • Norma violata. Indicazione delle specifiche norme violate, con relativi articoli e sanzioni amministrative pecuniarie previste.
  • Percorso di accertamento. Inquadramento delle singole attività di accertamento ambientale, da distinguere in:
    1. Accertamento diretto durante la visita in loco ed eventuale contestazione immediata;
    2. Accertamento successivo alla visita ispettiva in loco con contestazione differita tramite notificazione della violazione;
    3. Accertamento successivo ad una verifica documentale in ufficio.
  • Contestazione, vale a dire l’indicazione del momento e delle circostanze in cui è stata eseguita la contestazione;
  • Notificazione;
  • Autorità competente ai sensi dell’art. 17 della Legge 689/1981;
  • Sanzione e modalità di pagamento. Indicazione dell’importo minimo e massimo della sanzione amministrativa pecuniaria;
  • Modalità e termini di presentazione di scritti difensivi;
  • Spese di procedimento;
  • Dichiarazioni da parte del trasgressore e degli altri interessati cui la violazione viene contestata;
  • Avvertenze;
  • Opposizione;
  • Note;
  • Responsabile del procedimento;
  • Verbalizzante, con indicazione di nome, cognome, qualifica, ente di appartenenza, data, luogo e firma.

Grazie al suo staff, S.G.I. supporta le aziende non solo per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro, ma anche in tutti gli adempimenti previsti in materia ambientale dal D.Lgs. 152/06 e s.m.i.. Tra i servizi offerti vi è anche la gestione di tutto l’iter relativo alla Valutazione Impatto Ambientale. Per ulteriori informazioni, contattateci agli indirizzi mail info@sistemigestioneintegrata.eu e ambiente@sistemigestioneintegrata.eu

 

 

Rispondi