News

8 Ott 2020

SANIFICAZIONE AMBIENTI: Prevenzione della diffusione del virus Covid19 ed efficacia certificata

Come indicato nei protocolli di sicurezza e nell’ultimo Decreto Legge 7 ottobre 2020, che proroga lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021, “l’impresa assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago”.

Quali prodotti utilizzare per la pulizia? Come accertarsi che la sanificazione effettuata sia a norma? Chi può svolgere l’attività di sanificazione certificata negli ambienti di lavoro?

La pulizia e la sanificazione degli ambienti di lavoro deve avvenire secondo le indicazioni stabilite dalla circolare n. 5543 del Ministero della Salute e dal Rapporto dell’Istituto superiore di Sanità (Raccomandazioni ad interim sulla sanificazione di strutture non sanitarie nell’attuale emergenza COVID19) le quali definiscono che la pulizia debba essere effettuata con acqua e detergenti ordinari seguita dalla decontaminazione con ipoclorito di sodio allo 0,1% di cloro attivo, per superfici dure e pavimenti. Oppure etanolo al 70% per superfici più delicate.

L’attività di sanificazione è regolamentata dal D.L. 31 gennaio 2007 n. 7 e Decreto 7 luglio 1997 n. 274 e può essere svolta solo da imprese autorizzate con specifici requisiti tecnico professionali.

E’ necessario richiedere la visura camerale dell’azienda incaricata e verificare la corretta iscrizione dell’attività presso la Camera di Commercio CCIAA.

Nel protocollo anti-contagio non viene definita con esattezza la periodicità, lasciando al Datore di Lavoro l’obbligo di definire e rispettare la periodicità in relazione alla propria realtà lavorativa. Al comitato istituito in azienda il compito di garantire l’effettiva attuazione del protocollo di sicurezza negli ambienti di lavoro.

SGI Srl e la sua consociata SIME Srl hanno sviluppato un innovativo servizio di sanificazione e di controllo per gli ambienti di lavoro:

  • Azienda qualificata e in possesso dei requisiti tecnico professionali per svolgere pulizie e sanificazione degli ambienti
  • Interventi rapidi, assicuriamo interventi entro 4 ore dalla chiamata
  • Il nostro processo di sanificazione agisce contro batteri, micobatteri, virus, spore, funghi e nello specifico SARS e SARS-CoV-2 (Coronavirus). Il prodotto utilizzato non presenta rischi per la salute e non necessita di particolari dispositivi di protezione individuale o di monitoraggio. Questo prodotto fornisce anche una decontaminazione/disinfezione di alto livello delle attrezzature, strumentazioni e macchinari.
  • Il prodotto è un Presidio Medico Chirurgico n° 16765: miscela stabile e bilanciata di sostanze perossidiche, surfactante, acidi organici e sistema di attivazione inorganico.
  • Non è obbligatoria l’areazione dei locali dopo la sanificazione in quanto il prodotto non è tossico.
  • Possibilità di verifica della disinfezione delle superfici e delle attrezzature grazie a tamponi sulle superfici

La metodologia utilizzata per l’analisi dei tamponi raccolti, con possibile presenza di covid-19 è Real Time PCR, tale metodo ricerca il genoma del virus SARS-CoV-2 eventualmente presente anche in concentrazioni minime, garantendo la massima affidabilità.Il tampone e successiva analisi, consentirà di attestare l’efficacia delle misure di sanificazione messe in atto, svolgendo un ruolo importante nell’efficacia delle procedure di controllo dell’igiene delle superfici ambientali per la salute e sicurezza degli ambienti.

Tecnici specializzati effettueranno i tamponi nei punti precedentemente concordati e forniranno riscontro degli esiti analitici entro 72 ore.

Richiedi un preventivo gratuito