News

10 Ott 2019

RISCHIO LEGIONELLA: REGISTRO DELLE TORRI DI RAFFREDDAMENTO QUALI POTENZIALI FOCOLAI E MONITORAGGIO AMBIENTALE

Il tema del rischio Legionella è tornato in evidenzia dopo gli episodi di diffusione sul territorio regionale negli scorsi anni. Con questa comunicazione vogliamo fare chiarezza sui punti cardine che riguardano direttamente le aziende. Nel mese di giugno, con l’art. 36 della L.R. 9/2019, Regione Lombardia ha modificato il Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità (L.R. 33/2009) istituendo presso i Comuni il catasto delle torri evaporative di raffreddamento e dei condensatori evaporativi, allo scopo di mapparne numerosità e collocazione.

Il provvedimento è al momento articolato in due documenti: la L.R. 9/2019, che introduce il catasto (art. 36), e la Delibera della Giunta Regionale n. XI/1986 del 23/07/2019, che fornisce ulteriori specifiche e la modulistica per le aziende coinvolte.

Gli impianti da registrare includono: torri di raffreddamento a circuito aperto, torri evaporative a circuito chiuso, condensatori evaporativi, raffreddatori evaporativi, scrubber.

I Comuni, entro il mese di febbraio di ogni anno, dovranno trasmettere all’ATS competente le informazioni contenute/ricevute per il catasto in questione.   Il controllo sugli impianti è invece affidato ai tecnici delle ATS territoriali.

Si tratta di un’autodenuncia, è quindi compito del gestore compilare la relativa scheda e inviarla al Comune di pertinenza. La modulistica per la registrazione al catasto viene fornita dalla Delibera XI/1986 e qui riportata in allegato. Alcuni Comuni hanno provveduto alla pubblicazione dell’allegato sui propri siti web.

S.G.I.  Vi offre assistenza per la compilazione corretta della scheda di registrazione e i documenti necessari richiesti in fase di controllo.

Effettuiamo il campionamento e l’analisi dei prelievi necessari per l’individuazione di eventuali presenze del morbo della legionella, in caso di positività possiamo provvedere al processo di sanificazione.

 Ogni nuova installazione o cessazione permanente dovrà essere registrata entro 90 giorni.

In riferimento alle torri e ai condensatori già esistenti sul territorio, non sono state indicate eventuali tempistiche per la presentazione della documentazione. Tuttavia si ritiene opportuno inviare la documentazione al Comune il prima possibile, al fine di aggiornare nel più breve tempo possibile il database.

SCARICA L’ALLEGATO

Rispondi