News

2 Ott 2015

Rimborso chilometrico per i lavoratori che si spostano in bici? In Francia sì, ma…

Una curiosa notizia arriva dalla Francia, dove Le Monde ha pubblicato un articolo nel quale si annunciavano alcune misure del cosiddetto “pacchetto verde” messo a punto dal Ministro dell’ecologia Ségolène Royal.

Questo pacchetto di provvedimenti, che ha lo scopo di contrastare il sempre crescente traffico automobilistico ed il conseguente innalzamento dei livelli di smog nelle città francesi, contiene misure quali ad esempio l’introduzione di una nuova classificazione delle autovetture in 7 classi al fine di istituire nuove ZTL ed incentivare l’utilizzo di auto elettriche e mezzi alternativi e/o meno inquinanti, oppure la modificazione dell’attuale normativa riguardante la circolazione alternata, che potrà essere indetta non più solo al raggiungimento di determinati picchi di inquinamento ma anche in base alle previsioni meteorologiche.

Tra i vari altri interventi, spicca sicuramente quello che prevede la possibilità, per le aziende, di riconoscere un’indennità chilometrica di 25 centesimi di euro al chilometro a tutti i lavoratori che decidessero di recarsi al lavoro in bici. Questa novità è stata introdotta dopo aver superato una fase sperimentale di diversi mesi effettuata nel 2014.

Nonostante l’indubbia curiosità che una misura di questo genere può suscitare, purtroppo i precedenti non sono confortanti: infatti, un provvedimento simile era stato introdotto in Belgio sul finire degli anni Novanta ma senza risultati soddisfacenti sul cambio delle abitudini di trasporto dei lavoratori.

Rispondi