News

12 Feb 2021

Programmazione dei controlli presso le installazioni A.I.A. 2018-2020: Proroga per il 2021

Con la D.G.R. 4024 del 14.12.2020 è stato approvato l’adeguamento del periodo di riferimento del programma delle ispezioni ordinarie nelle installazioni soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A) per il triennio 2018-2020 con la relativa estensione al 2021.

L’estensione al 2021 si è resa necessaria in quanto l’emergenza sanitaria e le misure adottate dal Governo e dalla Regione Lombardia in materia di contenimento e gestione hanno comportato sostanziali limitazioni o sospensioni di attività nel periodo marzo – maggio 2020 che hanno riguardato – direttamente o indirettamente – molti settori rientranti nell’ambito di applicazione della disciplina AIA.

Con la medesima delibera è stata, altresì, prevista la successiva adozione, di specifico provvedimento per l’aggiornamento del programma delle ispezioni ordinarie nelle installazioni soggette ad A.I.A. per il periodo 2020-2021, seguiranno aggiornamenti.


La pianificazione e la programmazione dei controlli presso le installazioni soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) è disciplinata nel Titolo III-bis della Parte Seconda del D.lgs. 152/06.

Nello specifico, l’articolo 29-decies, comma 11-bis, del D.Lgs. 152/06, stabilisce che le attività ispettive ordinarie e straordinarie presso le installazioni soggette ad A.I.A. siano definite in un piano d’ispezione ambientale a livello regionale, periodicamente aggiornato a cura della Regione, sentito il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare per garantire il coordinamento con quanto previsto nelle autorizzazioni integrate statali ricadenti nel territorio regionale.

Autocontrollo delle imprese

Il Gestore di un’installazione AIA deve trasmettere all’Autorità Competente e ai Comuni interessati i dati relativi ai controlli delle emissioni richiesti dall’Autorizzazione Integrata Ambientale, secondo modalità e frequenze stabilite nel Piano di Monitoraggio.

Nel Piano di Monitoraggio e Controllo sono specificati i metodi di campionamento e di analisi degli inquinanti, i metodi di misura dei fondamentali parametri dei processi di produzione e dei sistemi di abbattimento, nonché la relativa metodologia di valutazione, concentrando l’attenzione sulle effettive criticità ambientali che potrebbero derivare dall’attività specifica svolta in un impianto.

Gli autocontrolli sono effettuati nelle condizioni di normale funzionamento (esclusi quindi i periodi di avvio arresto, guasto) e di massimo esercizio in riferimento alle condizioni di gestione dell’impianto.

I campionamenti delle emissioni (sia in aria sia in acqua) possono essere effettuati in discontinuo o in continuo, in questo caso sono registrati i valori dei contaminanti in tutte le condizioni di impianto. Al fine di evitare la trasmissione di tali dati in forma cartacea e per facilitare il lavoro di raccolta dei dati, ARPA ha predisposto un apposito Applicativo Integrale Di Autocontrollo (AIDA) che tutti i gestori sono tenuti a compilare annualmente entro il 30 aprile di ogni anno.

Ambiente e rifiuti