Novità per l’aggiornamento dei corsi in materia di sicurezza per i lavoratori dell’edilizia

Nel contratto Nazionale lavoratori di riferimento del comparto edile siglato a Marzo 2022 sono indicate importanti novità sulla formazione in materia di sicurezza sui lavoratori e altre tematiche cogenti:

Corsi sicurezza

  • Tramite l’attività svolta dalle Scuole edili/Enti unificati territoriali, è garantita la formazione obbligatoria gratuita delle 16 ore anche per gli impiegati tecnici che entrano per la prima volta in cantiere.
  • Al fine di implementare ulteriormente la sicurezza dei lavoratori, è stabilito che l’aggiornamento della formazione dei lavoratori, della durata di 6 ore, di cui al punto 9 dell’accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011, dovrà essere effettuato ogni tre anni. E’ importante sottolineare che la predetta periodicità triennale si applica a decorrere dall’aggiornamento successivo a quello in scadenza alla data di entrata in vigore del CCNL. Resta ferma la diversa periodicità stabilita per il dirigente (di cui all’art. 2, comma 1, lett d), del Dlgs. n. 81/08) e per il preposto.

Piano nazionale per la sorveglianza sanitaria

In tema di malattie professionali e infortuni vi sarà uno specifico piano nazionale per la sorveglianza sanitaria tramite gli enti bilaterali, a favore delle imprese che a volte, non riescono concretamente a garantirla ai lavoratori. E’ stanziato un investimento di 7,5 milioni di euro per raggiungere questo obiettivo.

Carta di identità Professionale Edile (CIPE)

Le parti sottoscritte convengono di dare mandato alla CNCE per definire, entro tre mesi dalla firma del presente contratto, la Carta d’identità Professionale Edile (CIPE), rilasciata dalle Casse edili/Edilcasse, la cui gestione sarà affidata al sistema degli Enti bilaterali del settore e che comunque dovrà contenere tutti i dati relativi ai corsi formativi effettuati presso il sistema bilaterale edile e le scadenze relative alla sorveglianza sanitaria.

Patto di Cantiere

Con il “Patto di Cantiere” saranno registrate nelle Casse edili tutte le imprese che entrano in cantiere, con verifica sulla corrispondenza tra le attività effettivamente svolte e il contratto applicato. Unitamente alla possibilità di offrire una formazione specifica alla sicurezza a prezzi calmierati anche alle imprese che applicano contratti diversi dall’edilizia nel cantiere.

Altre novità

  • Creazione di un’anagrafe di categoria aggiornata degli RLS eletti in ciascuna impresa del sistema, attraverso l’obbligo dell’invio del verbale di elezione da parte dell’impresa all’ente unico formazione e sicurezza territoriale (CPT dove ancora presenti) di riferimento.
  • Introdotto un “Premio di Ingresso nel Settore“: dal 1° marzo 2022 ai giovani di età inferiore ai 29 anni, assunti come operai per la prima volta nel settore, dopo 12 mesi di permanenza nella stessa impresa, sarà riconosciuto un importo aggiuntivo di 100,00 euro. Il premio non incide sugli istituti retributivi legali e contrattuali, compreso il t.f.r.
  • Per contrastare il sotto inquadramento: l’operaio comune e l’operaio qualificato otterranno l’inquadramento più alto attraverso la partecipazione a corsi di formazione oppure con un’anzianità minima di settore, certificata presso il sistema delle Casse edili.

Fonte ANCE e Accordo siglato

— Ti piacciono
i nostri contenuti?

Non perderti nessuna novità con la newsletter SGI