News

11 Gen 2022

Nasce l’Osservatorio Nazionale sulla sicurezza nei cantieri

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, istituisce l’Osservatorio Nazionale sulla sicurezza nei cantieri, con lo scopo di migliorare la sicurezza nelle attività in cantiere, l’applicazione delle nuove norme e l’intensificazione delle attività di formazione.

Il 25 ottobre 2021, è stato istituito presso il Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (Mims) l’Osservatorio nazionale sulla sicurezza nei cantieri, per una maggiore prevenzione e sicurezza nei cantieri e l’applicazione rigorosa delle norme e delle intese sottoscritte con i sindacati di categoria, anche per la realizzazione delle opere previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr).

L’Osservatorio comprende i rappresentanti del Ministero, delle principali stazioni appaltanti pubbliche e delle organizzazioni sindacali più rappresentative del settore edile.

Obiettivi dell’Osservatorio Nazionale

  • prevenzione e la sicurezza nei cantieri;
  • applicazione delle norme e delle intese sottoscritte con i sindacati di categoria;
  • promozione dell’occupazione;
  • promozione della formazione specifica.

Come specificato nel verbale di accordo tra Ministero e sindacati edili, i compiti dell’Osservatorio Nazionale è stato costituito con l’obiettivo di:

  • verificare il costante mantenimento e completamento delle informazioni richieste dalla “Banca dati degli Esecutori” a cura delle imprese coinvolte nell’affidamento, incluse quelle in subappalto;
  • verificare presso le diverse stazioni appaltanti il rispetto delle nuove norme previste dal D.L. n. 77/2021, convertito dalla legge 108/2021. In particolare, per quanto riguarda la parità di trattamento economico e normativo tra lavoratori in appalto e lavoratori in subappalto e la corretta applicazione del CCNL edile;
  • fornire la massima informazione e formazione nei confronti delle stazioni appaltanti, dei commissari governativi e dei Responsabili Unici del Provvedimento in merito alla nuova normativa di cui al Decreto del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali n. 143 del 2021. Inoltre, verificare (anche a campione) sulle modalità di corretto utilizzo del nuovo strumento, per contrastare dumping contrattuale e lavoro irregolare;
  • valorizzare ulteriori iniziative di formazione per le stazioni appaltanti, nell’ambito del programma nazionale di formazione dei Responsabili Unici del Provvedimento chiamato “PNRR Academy”.

Sicurezza nell’edilizia e non solo: l’opera di vigilanza dell’Osservatorio Nazionale

L’Osservatorio Nazionale, dunque, vigilerà sul lavoro in cantiere, che potrà essere svolto h24 e 7 giorni su 7, ma senza ricorrere agli straordinari.

Inoltre, dal 1° novembre – ovvero con l’entrata in vigore delle nuove norme sul subappalto e del Durc di congruità – l’applicazione dei contratti nazionali di lavoro e la sicurezza nell’edilizia saranno ancor più attenzionate. Tali norme, infatti, riguardano rispettivamente:

  • equiparazione del trattamento economico e contrattuale dei subappaltatori rispetto a quello delle imprese capofila (subappalto);
  • costo della manodopera di cantiere congruo ai parametri concordati tra sindacati e imprese (Durc di congruità).

Inoltre, nell’ottica della qualità del lavoro e della riqualificazione delle stazioni appaltanti, l’Osservatorio si occuperà anche della formazione di circa 15 mila Responsabili unici del procedimento (Rup) degli uffici gare delle stazioni appaltanti d’Italia.

Il 25 ottobre 2021, è stato istituito presso il Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (Mims) l’Osservatorio nazionale sulla sicurezza nei cantieri, per una maggiore prevenzione e sicurezza nei cantieri e l’applicazione rigorosa delle norme e delle intese sottoscritte con i sindacati di categoria, anche per la realizzazione delle opere previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr).

Fonte Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili