News

15 Giu 2020

Mobility Manager: Obbligo per le aziende con oltre 100 dipendenti

Con il Decreto Rilancio, il Governo, obbliga tutte le aziende con più di 100 dipendenti a prevedere una figura manageriale responsabile degli spostamenti casa-ufficio.

Tutte le aziende o enti pubblici con oltre 100 dipendenti situate in un capoluogo di Regione, in una Città metropolitana, in un capoluogo di Provincia o in un Comune con popolazione superiore a 50 mila abitanti, dovranno nominare il responsabile della mobilità aziendale ed entro il 31 dicembre di ogni anno predisporre il piano degli spostamenti casa/lavoro dei propri dipendenti.

I dettagli sulle modalità di redazione del piano e i requisiti soggettivi, le modalità di nomina, la durata in carica e le funzioni del Mobility Manager verranno stabiliti da un prossimo decreto del Ministro dell’Ambiente con il Ministro dei Trasporti.

In realtà la figura del Mobility Manager era già prevista, ma per le aziende oltre 300 dipendenti.

Il fatto che questo incarico sia considerato indispensabile anche in aziende di minori dimensioni dà l’idea di quanto la mobilità nelle città stia vivendo una rivoluzione a causa del Covid-19 e il primo rischio da evitare è che il minore uso del trasporto pubblico si traduca in un massiccio utilizzo dell’auto privata.

Quali sono gli incarichi del Mobility Manager?

Il Mobility Manager di azienda ha l’incarico di ottimizzare gli spostamenti sistematici dei dipendenti casa-lavoro-casa, con l’obiettivo di ridurre l’uso dell’auto privata in favore di soluzioni di trasporto alternativo a ridotto impatto ambientale (car sharing, car pooling, navette, bike sharing).

Ogni azienda deve comunicare la nomina del Mobility Manager aziendale al Mobility Manager di area del Comune.

Il Mobility Manager di Area è stato introdotto nel 2000 come una figura di supporto e coordinamento dei responsabili della mobilità aziendale. E’ istituita presso l’Ufficio Tecnico del Traffico di ogni Comune, ad esclusione dei più piccoli, ed ha principalmente due compiti:

  • essere trade union tra il comune e le aziende di trasporto locale
  • essere punto di riferimento e supporto per le aziende nella redazione dei piani spostamento casa-lavoro. Fornisce alle aziende un supporto collaborando alla realizzazione dei piani e promuove iniziative di mobilità di area.