News

9 Gen 2017

Milleproroghe 2017: nuovo slittamento per le sanzioni SISTRI

Anno nuovo, slittamento vecchio: anche per quest’anno il Consiglio dei Ministri, ha approvato nel Decreto Milleproroghe la proroga al 31 dicembre dell’obbligo di utilizzo del SISTRI come unico strumento di tracciamento dei rifiuti pericolosi e dell’applicazione delle relative sanzioni inerenti alla piena operatività del Sistema, che dovrebbero dunque essere applicate con decorrenza 1 gennaio 2018.

La conseguenza principale di questa nuova proroga è la prosecuzione dell’attuale operatività transitoria, detta anche “doppio binario”, che prevede l’utilizzo del SISTRI e la tenuta dei tradizionali registri e formulari di trasporto dei rifiuti (la cui non corretta o omessa compilazione fa scattare l’applicazione delle sanzioni previste dal D.Lgs. 152/2006) per tutto l’anno 2017.

La proroga, è bene sottolinearlo, non riguarda l’utilizzo del Sistema (che per i soggetti obbligati è vigente e funzionale) ma bensì le sanzioni connesse alla sua corretta operatività.

Anche per tutto il 2017, perciò, le Aziende devono procedere come fatto finora, vale a dire:

  • Ottemperare molto attentamente all’obbligo di tenuta dei registri di carico e scarico e di compilazione dei formulari di trasporto per tutti i rifiuti, sia pericolosi che non pericolosi;
  • Se soggetti, utilizzare il SISTRI (seppur senza sanzioni) per i rifiuti pericolosi;
  • Entro il 30 apile 2017, compilare il MUD;
  • Entro il 30 aprile 2017 (salvo diverse indicazioni), pagare il contributo annuale SISTRI.

Per ogni ulteriore informazione e chiarimento in merito alla corretta applicazione del SISTRI, lo staff del nostro Settore Ambiente è a Vostra disposizione all’indirizzo ambiente@sistemigestioneintegrata.eu

Rispondi