News

4 Apr 2017

Cronotachigrafo, manometterlo equivale ad omissione

Recentemente la Corte di Cassazione si è espressa su un tema molto caldo della sicurezza sul lavoro, soprattutto per quanto riguarda le attività che prevedono il trasporto su strada: l’utilizzo del cronotachigrafo e le conseguenze di un suo cattivo utilizzo e manomissione.
Partendo da un ricorso effettuato in riferimento ad una sentenza di non luogo a procedere nei confronti del titolare di un’azienda sui cui mezzi erano state ravvisate installazioni di dispositivi utili ad alterare il cronotachigrafo ed il limitatore di velocità, la Corte è stata chiamata ad un chiarimento sul rapporto esistente tra l’Articolo 437 del codice penale e l’Articolo 179 del codice della strada al fine di stabilire quale tipo di sanzione dovrebbe essere applicata in casi simili.

Cronotachigrafo  o apparecchi: le differenze tra Codice penale e stradale

Oggetto della decisione della Corte di Cassazione, come detto, sono due articoli assimilabili ma che prevedono due sanzioni diverse tra loro. Secondo l’Articolo 437 Codice penale, dovrebbe essere imputato al titolare dell’azienda il fatto di aver messo in pericolo la sicurezza dei propri lavoratori (in questo caso dei conducenti di veicolo) attraverso la manomissione del cronotachigrafo e del limitatore di velocità, in quanto tale articolo punisce chi “omette di collocare impianti, apparecchi o segnali destinati a prevenire disastri o infortuni sul lavoro, ovvero li rimuove o li danneggia”.
Nell’Articolo 179 del codice stradale, invece, ad essere sanzionato amministrativamente dovrebbe essere colui che circola o che è titolare della licenza o dell’autorizzazione al trasporto che mette in circolazione un veicolo in cui non sia presente il cronotachigrafo oppure provvisto di cronotachigrafo manomesso o non funzionante, anche se non direttamente responsabili dell’omissione o della manomissione.

Secondo le conclusioni della Corte l’omissione/manomissione costituisce un’omissione dolosa delle cautele contro gli infortuni sul lavoro e pertanto la sentenza di non luogo a procedere è da annullarsi. Ciò nonostante, andrebbe applicata con priorità la norma del codice della strada, con la relativa sanzione amministrativa, essendo la stessa maggiormente specifica sul tema rispetto all’Articolo del Codice penale.

Attraverso partnership strategiche S.G.I. Srl è in grado di fornire assistenza alle aziende che necessitino di formare i propri dipendenti sul corretto utilizzo del cronotachigrafo secondo le recenti normative. A tal fine, il nostro staff è a vostra disposizione all’indirizzo info@sistemigestioneintegrata.eu

Rispondi