News

20 Lug 2020

OBBLIGO SANIFICAZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

Come indicato nei protocolli di sicurezza e nell’ultimo DPCM 14 luglio 2020, che proroga le misure restrittive fino al 31 luglio 2020, “l’impresa assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago”.

Quali prodotti utilizzare per la pulizia? Come accertarsi che la sanificazione effettuata sia a norma? Chi può svolgere l’attività di sanificazione certificata negli ambienti di lavoro?

La pulizia e la sanificazione degli ambienti di lavoro deve avvenire secondo le indicazioni stabilite dalla circolare n. 5543 del Ministero della Salute e dal Rapporto dell’Istituto superiore di Sanità (Raccomandazioni ad interim sulla sanificazione di strutture non sanitarie nell’attuale emergenza COVID19) le quali definiscono che la pulizia debba essere effettuata con acqua e detergenti ordinari seguita dalla decontaminazione con ipoclorito di sodio allo 0,1% di cloro attivo, per superfici dure e pavimenti. Oppure etanolo al 70% per superfici più delicate.

L’attività di sanificazione è regolamentata dal D.L. 31 gennaio 2007 n. 7 e Decreto 7 luglio 1997 n. 274 e può essere svolta solo da imprese autorizzate con specifici requisiti tecnico professionali.

E’ necessario richiedere la visura camerale dell’azienda incaricata e verificare la corretta iscrizione dell’attività presso la Camera di Commercio CCIAA.

I prodotti da utilizzare, come indicato dal Rapporto ISS Raccomandazioni ad interim sui disinfettanti nell’attuale emergenza COVID-19: presidi medico chirurgici e biocidi, devono avere un’azione disinfettante battericida, fungicida, virucida o una qualsiasi altra azione volta a distruggere, eliminare o rendere innocui i microrganismi.

I PMC a base di Etanolo, perossido di Idrogeno, Ipoclorito di sodio, sono efficaci contro i virus, meglio se nebulizzati e areosolizzati nell’ambiente.

Alcuni PMC sono ad uso esclusivo degli utilizzatori professionali, poiché il loro impiego richiede una specifica formazione e l’obbligo di indossare i Dispositivi di Protezione Individuali (DPI); tali prodotti riportano in etichetta la dicitura “Solo per uso professionale”

Nel protocollo anti-contagio non viene definita con esattezza la periodicità, lasciando al Datore di Lavoro l’obbligo di definire e rispettare la periodicità in relazione alla propria realtà lavorativa. Al comitato istituito in azienda il compito di garantire l’effettiva attuazione del protocollo di sicurezza negli ambienti di lavoro.

Se desideri ulteriori informazioni e vuoi trovare la soluzione efficace, certificata per sanificare in modo corretto il tuo ambiente di lavoro contattaci info@sistemigestioneintegrata.eu

Leggi l’articolo relativo al credito d’imposta sanificazione previsto per le aziende nel Decreto Rilancio