News

12 Lug 2017

Grave incidente sul lavoro ci ricorda l’importanza della riunione periodica di sicurezza

Come purtroppo spesso accade, sono gli incidenti sul lavoro a fare rivalutare l’importanza della cultura della sicurezza sul lavoro. Questa volta la tragedia sfiorata si è verificata a Terni ed ha coinvolto un operaio di un’acciaieria. Dalle prime ricostruzioni, l’incidente potrebbe essere legato anche ad un mancato interesse aziendale verso le tematiche della sicurezza. Nella fattispecie, nonostante numerose indicazioni dai dipendenti, non si sarebbe proceduto all’organizzazione della riunione periodica prevista dal D.Lgs. 81/08 per verificare ed eventualmente aggiornare le attività inerenti alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro.

Operaio schiacciato da un rotolo di acciaio, cosa è successo?

L’incidente è avvenuto durante le operazioni di fine lavorazione, quando i rotoli di acciaio prodotti vengono spostati nell’area di stoccaggio. L’operaio trentacinquenne (formato e con esperienza pluriennale) è rimasto schiacciato tra uno dei rotoli ed una scala. Considerando il peso del rotolo che lo ha colpito, circa 22 tonnellate, l’operaio è stato molto fortunato a riportare sono un grave trauma cranico-facciale.
Nella fattispecie, il lavoratore si stava recando tramite la scala verso la cabina di comando del carroponte adibito all’attività di movimentazione dei rotoli quando uno di questi gli è piombato contro.

Le operazioni di soccorso si sono svolte secondo quanto stabilito dal D.Lgs. 81/08, con l’intervento tempestivo della squadra di Addetti al Primo Soccorso ed il successivo arrivo degli operatori del 118.
Nonostante tutto alla fine si sia risolto senza sfociare in tragedia, l’incidente sul lavoro ha dato il via a grosse polemiche. Tramite le organizzazioni sindacali, i lavoratori hanno “accusato” l’azienda di non aver considerato le numerose segnalazioni riguardanti possibili criticità. In particolare, sarebbero passati mesi dall’ultima riunione periodica, momento di confronto tra le figure della sicurezza previsto obbligatoriamente dal D.Lgs. 81/08.

La riunione periodica: chi è soggetto e in cosa consiste

Le indicazioni riguardanti la riunione periodica sono contenute nell’Art. 35 del Testo Unico sulla Sicurezza. Si tratta di un momento di grande importanza per la prevenzione e la protezione della salute e sicurezza in azienda. Questo perché ha la funzione di monitorare i comportamenti dei lavoratori ed individuare eventuali azioni che possano portare ad un complessivo miglioramento del livello di sicurezza aziendale.
Ai sensi del D.Lgs. 81/08, la riunione periodica è obbligatoria per tutte le aziende o unità produttive che occupino più di 15 dipendenti e deve essere indetta almeno una volta all’anno. In ogni caso, dovrebbe essere indetta anche in occasione di eventuali variazioni nell’esposizione ai diversi rischi. Un esempio di tali variazioni potrebbe essere l’introduzione di nuovi macchinari tecnologicamente differenti dai precedenti e che potrebbero avere conseguenze sul livello di sicurezza dei lavoratori.
Alla riunione periodica devono essere presenti:

  • Il datore di lavoro oopure un suo rappresentante;
  • Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP);
  • Il Medico Competente (se nominato);
  • Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS).

Grazie alla collaborazione di S.G.I., le aziende possono contare sulle competenze di un partner che li accompagnerà a 360° nell’adempimento degli obblighi previsti dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Nella fattispecie, i nostri tecnici procedono alla corretta valutazione dei rischi presenti nelle diverse realtà produttive, nell’erogazione dei corsi di formazione in ambito di sicurezza sul lavoro. Inoltre, ci occupiamo anche della programmazione ed erogazione dei programmi di sorveglianza sanitaria ed è possibile l’assunzione di incarichi quali ad esempio il ruolo di RSPP. Per ulteriori informazioni, contattateci all’indirizzo info@sistemigestioneintegrata.eu

 

Rispondi