News

15 Ott 2021

Esenzione vaccino Covid-19: prorogata la validità delle certificazioni

Prorogato al 30 novembre 2021 la validità delle certificazioni per l’esenzione dal vaccino che sostituisce il Green Pass per chi non può vaccinarsi.

Con Circolare del Ministero della Salute del 4 agosto 2021, sono state definite le condizioni e le modalità riferite all’esenzione dal vaccino anti-COVID19. I soggetti che per condizione medica non possono vaccinarsi sono esonerati dall’obbligo di green pass per accedere al lavoro, ai servizi e alle attività riservate ai possessori di green pass.

La certificazione è rilasciata a tutti coloro che non possono sottoporsi alla somministrazione del vaccino anti Covid a causa di condizioni cliniche documentate che ne attestino la controindicazione.

Le certificazioni potranno “essere rilasciate direttamente dai medici vaccinatori dei Servizi vaccinali delle Aziende ed Enti dei Servizi Sanitari Regionali o dai Medici di Medicina Generale o Pediatri di Libera Scelta dell’assistito che operano nell’ambito della campagna di vaccinazione anti-SARS-CoV-2 nazionale”.

Le esenzioni avranno validità fino al 30 novembre 2021, restano valide anche quelle già rilasciate, purchè contengano i seguenti dati.

  • Dati anagrafici: nome, cognome e data di nascita.
  • La dicitura “Soggetto esente alla vaccinazione anti Sars-Cov-2. Certificazione valida per consentire l’accesso ai servizi e alle attività̀ di cui al comma 1, art. 3 del decreto legge 23 luglio 2021, n. 105”.
  • La data di validità dell’esenzione.
  • Dati relativi al Servizio vaccinale in cui opera il medico.
  • Timbro e firma del medico.

Non sarà necessario un nuovo rilascio delle certificazioni già emesse, salvo i casi in cui le stesse contengano dati del soggetto interessato, ulteriori rispetto a quelli indicati per la loro compilazione, a carattere sensibile (es. motivazione clinica della esenzione).

Con il DPCM 12 OTTOBRE 2021 si comunica che sono in corso di predisposizione certificazioni di esenzione dal vaccino contro il COVID-19, contenenti l’apposito “QR code”  per facilitarne la verifica.

Fonte Governo – Ministero della Salute