News

16 Mar 2020

EMERGENZA CORONAVIRUS – Cgil, Cisl, Uil: sottoscritto con Governo “protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro

lo scorso 14 marzo 2020, su invito del Presidente del Consiglio dei Ministri, del Ministro dell’economia, del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro della salute, è stato sottoscritto il “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro” tra le organizzazioni datoriali e sindacali.

Il documento contiene le linee guida condivise tra le Parti per agevolare le imprese nell’adozione di protocolli di sicurezza anti-contagio e le disposizioni minime da adottare per mantenere attiva la produttività in azienda.

Viene infatti specificato che “La prosecuzione delle attività produttive può infatti avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione”.

Protocollo misure di contrasto e contenimento COVID-19 negli ambienti di lavoro

Gli elementi più significativi in esso contenuti sono:
  • l’istituzione di un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali e del RLS (novità assoluta rispetto alle disposizioni ministeriali già emanate);
  • la contingentazione degli spazi comuni (mensa, spogliatoi, area fumo, area break, etc.);
  • l’individuazione delle mansioni indispensabili alla produzione e la sospensione delle attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
  • il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 m; in questo caso l’uso dei DPI non è obbligatorio, considerando le relative difficoltà di approvvigionamento e reperimento degli stessi;
  • l’assicurazione di svolgimento delle pulizie giornaliere e della sanificazione periodica degli ambienti di lavoro.

 
SGI resta a disposizione per darVi il supporto necessario sulle modalità di applicazione e rispetto di questo protocollo, in modo da essere conformi nel caso di eventuali controlli da parte degli organismi preposti.