News

23 Apr 2021

Decreto riaperture: nuove misure per la ripresa delle attività economiche

Approvato dal Consiglio dei Ministri del 21 aprile 2021 un decreto-legge che introduce misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19. –  Slide del Governo, riassuntive di tutte le misure.

Le misure scaglionate (a partire dal 26 aprile), hanno validità fino al 31 luglio, data in cui è disposta la proroga dello stato d’emergenza Covid19.

Coprifuoco
Riconfermato il coprifuoco dalle ore 22.00 alle ore 5.00 del mattino.

Gli spostamenti

Gli spostamenti verso le zone arancioni o rosse sono consentiti solo con il “green pass”, una certificazione che attesta “lo stato di avvenuta vaccinazione o guarigione” dall’infezione dal Covid-19, o “l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo”.

Sono reintrodotte le zone gialle con le relative misure.

In Europa

Spostamenti in Europa possibili con il green pass, ma se riconosciuto dallo stato Ue in cui ci si reca.

Il green pass o certificazione verde

“Si tratta di certificazioni comprovanti lo stato di avvenuta vaccinazione contro il Covid19 o guarigione dall’infezione da Covid19, ovvero l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Covid19”.
La durata della validità del green pass cambia a seconda del modo in cui si è ottenuto:

  •  Dopo aver effettuato il vaccino “ha una validità di sei mesi ed è rilasciata in formato cartaceo o digitale, […] dalla struttura sanitaria che effettua la vaccinazione […] e reca indicazione del numero di dosi somministrate rispetto al numero di dosi previste […] resa disponibile nel fascicolo sanitario elettronico dell’interessato”.

 

  • Dopo la guarigione, ha una validità di sei mesi ed è rilasciata su richiesta dell’interessato, in formato cartaceo o digitale, dalla struttura presso la quale è avvenuto il ricovero del paziente affetto da Covid 19, e per i pazienti non ricoverati, dai medici di medicina generale, ed è resa disponibile nel fascicolo sanitario elettronico dell’interessato.

 

  • Dopo tampone molecolare o antigenico rapido, la certificazione ha una validità di quarantotto ore dal rilascio ed è prodotta, su richiesta dell’interessato, in formato cartaceo o digitale, dalle strutture sanitarie pubbliche da quelle private autorizzate e accreditate e dalle farmacie, dai medici di medicina generale o pediatri di libera scelta.

La certificazione cessa di avere validità qualora, nel periodo di vigenza semestrale, l’interessato venga identificato come caso accertato positivo al Sars-Cov-2.
Le certificazioni di guarigione rilasciate precedentemente alla data di entrata in vigore del presente decreto sono valide per sei mesi a decorrere dalla data indicata nella certificazione.

Ristoranti

“Dal 1° giugno, nella zona gialla, le attività dei servizi di ristorazione sono consentite anche al chiuso, con consumo al tavolo ma solo a pranzo, dalle 5 fino alle 18”.
I bar in zona gialla possono fare soltanto servizio al tavolo all’aperto. Resta permessa la vendita da asporto. I bar potranno rimanere aperti fino alle 22, per il servizio all’aperto e con i clienti seduti al tavolo. L’asporto è consentito esclusivamente fino alle 18.

Scuola

Sull’intero territorio nazionale, dal 26 aprile e fino alla conclusione dell’anno scolastico 2020-2021, è assicurato in presenza almeno per il 50% degli studenti, lo svolgimento dei servizi educativi per l’infanzia, dell’attività scolastica e didattica della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e secondaria di primo grado, nonchè delle attività scolastiche e didattiche della scuola secondaria di secondo grado.

Nelle zone gialla e arancione, la formazione in presenza è garantita ad almeno il 60% fino al 100% degli studenti. Per la restante parte degli studenti è prevista la didattica a distanza.

Università – in zona gialla e arancione: dal 26 aprile 2021 e fino al 31 luglio 2021, le attività didattiche e curriculari delle università sono svolte principalmente in presenza secondo i piani di organizzazione della didattica e delle attività curricolari predisposti nel rispetto delle linee guida e dei protocolli di sicurezza.

Sport, piscine e palestre

In zona gialla in conformità ai protocolli e alle linee guida adottati dalla conferenza delle regioni e delle province autonome, dal 26 aprile è consentito lo svolgimento all’aperto di qualsiasi attività sportiva anche di squadra e di contatto. No consentito l’utilizzo di spogliatoi.

Dal 15 maggio sono consentite le attività di piscine all’aperto.
Dal 1 giugno sono consentite le attività di palestre.

Spettacoli

In zona gialla dal 26 aprile, consentiti gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto. Esclusivamente con posti a sedere preassegnati e nel rispetto della distanza di almeno un metro.
La capienza consentita non può essere superiore al 50% di quella massima autorizzata e il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 1.000 per gli spettacoli all’aperto e a 500 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala.

Fiere e convegni

In zona gialla dal 1° luglio, consentito lo svolgimento in presenza di fiere, convegni e congressi.

FONTE: Governo Italiano – Presidenza del Consiglio dei Ministri