Covid19: aggiornate le linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali

Con ordinanza del Ministero della Salute – 1 aprile 2022 – al fine di consentire lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali, nella fase di post emergenza Covid19, sono state aggiornate le «Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali». In vigore fino al 31 dicembre 2022

In continuità con le prime Linee Guida, è stata mantenuta un’impostazione sintetica e
di immediata applicazione. I contenuti sono stati progressivamente integrati, con alcuni nuovi elementi conoscitivi, legati all’evoluzione dello scenario epidemiologico e delle misure di prevenzione adottate, tra cui la vaccinazione anti-COVID19 e l’introduzione progressiva della certificazione verde COVID-19.

Resta inteso che in base all’evoluzione dello scenario epidemiologico, oggetto di monitoraggio in relazione alla possibilità di nuove ondate dell’epidemia, le misure indicate potranno essere rimodulate, anche in senso più restrittivo.

PRINCIPI DI CARATTERE GENERALE

In tutte le attività economiche e sociali è necessario il rigoroso rispetto delle norme e delle misure comportamentali individuali e collettive e l’adozione delle misure generali quali:

  • Informazione
    Predisposizione da parte degli esercenti di un’adeguata informazione sulle misure di prevenzione da
    rispettare, comprensiva di indicazioni sulla capienza massima dei locali e comprensibile anche a utenti di altra nazionalità.
  • Certificazione verde COVID-19
    Obbligo di possesso e presentazione della certificazione verde COVID-19, base o rafforzata, in tutti i
    contesti in cui è prevista ai sensi della normativa statale vigente.
  • Protezione delle vie respiratorie
    Uso corretto della mascherina a protezione delle vie respiratorie (mascherina chirurgica o dispositivo
    atto a conferire una protezione superiore, quale FFP2) in tutti gli ambienti chiusi e, in caso di
    assembramento, anche all’aperto, ove previsto dalla normativa statale vigente.
  • Igiene delle mani
    Messa a disposizione, all’ingresso e in più punti dei locali, di soluzioni per le mani, al fine di favorirne
    l’igienizzazione frequente da parte degli utenti.
  • Igiene delle superfici
    Frequente igienizzazione di tutti gli ambienti, con particolare attenzione alle aree comuni e alle
    superfici toccate con maggiore frequenza.
  • Aerazione
    Rinforzo del ricambio d’aria naturale o attraverso impianti meccanizzati negli ambienti chiusi (es.
    mantenendo aperte, a meno che le condizioni meteorologiche o altre situazioni di necessità non lo
    consentano, porte, finestre e vetrate). Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria, ad eccezione dei casi di assoluta e immodificabile impossibilità di adeguamento degli impianti, per i quali devono essere previste misure alternative di contenimento del contagio. Se tecnicamente possibile, va aumentata la capacità filtrante, sostituendo i filtri esistenti con filtri di classe superiore, garantendo il mantenimento delle portate. In ogni caso, si raccomanda il potenziamento nella maggior misura possibile dell’areazione dei locali per favorire il ricambio dell’aria e favorire la costante manutenzione degli apparati a ciò deputati.

Si rimanda alla lettura delle linee guida, in relazione alla propria categoria, clicca qui

Le schede presenti nell’ordinanza sono dedicate alle seguenti attività:

  • Ristorazione e cerimonie.
  • Attività turistiche e ricettive.
  • Cinema e spettacoli dal vivo.
  • Piscine termali e centri benessere.
  • Servizi alla persona.
  • Commercio.
  • Musei, archivi, biblioteche, luoghi della cultura e mostre.
  • Parchi tematici e di divertimento.
  • Circoli culturali, centri sociali e ricreativi.
  • Convegni, congressi e grandi eventi fieristici.
  • Sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò.
  • Sagre e fiere locali.
  • Corsi di formazione.
  • Sale da ballo e discoteche.

Fonte: Ministero della Salute – Conferenza delle Regioni e province autonome

— Ti piacciono
i nostri contenuti?

Non perderti nessuna novità con la newsletter SGI