News

21 Ott 2019

CATASTO REGIONALE TORRI DI RAFFREDDAMENTO: E’ RESPONSABILITA’ DEI GESTORI LA CORRETTA REGISTRAZIONE – CONTROLLI DA PARTE DI ATS

In allegato circolare regione Lombardia, le linee guida controllo e prevenzione per la legionellosi, scheda per la registrazione.

SGI offre consulenza per la compilazione della documentazione richiesta e una visita gratuita con un tecnico specializzato.

COSA SI INTENDE PER TORRE DI RAFFREDDAMENTO?

Una torre di raffreddamento è un apparato evaporativo (torre di raffreddamento a circuito aperto, torre evaporativa a circuito chiuso, condensatore evaporativo, raffreddatore evaporativo, scrubber) utilizzato in impianti di climatizzazione di edifici (residenziali o ad uso produttivo), in processi industriali, in impianti frigoriferi o in sistemi di produzione energetica, caratterizzato dall’impiego di acqua con produzione di aerosol ed evaporazione del liquido (Deliberazione della Giunta regionale 23/07/2019, n. 11/1986).

Una torre di raffreddamento è un luogo molto umido, tiepido e con un’enorme superficie bagnata disponibile ed è quindi l’habitat ideale per far crescere e diffondere la legionella.

Al fine di prevenire e monitorare i rischi ambientali per la legionella, la Legge regionale 30/12/2009, n. 33, art. 60-bis1 obbliga i Comuni a predisporre e curare il registro delle torri di raffreddamento ad umido e dei condensatori evaporativi presenti sul proprio territorio.

I responsabili (proprietari o gestori) di torri di raffreddamento – condensatori operativi, sono obbligati a compilare ed inviare le schede di registrazione in modo corretto ai comuni.

Ogni comune delle Regione Lombardia ha definito il termine ultimo* per inviare le schede ed entro il mese di febbraio di ogni anno le informazioni del registro devono essere trasmesse alla Agenzia di Tutela della Salute.

Ogni nuova installazione di torri di raffreddamento ad umido e condensatori evaporativi e ogni cessazione permanente deve essere registrata entro 90 giorni.

Nei momenti di controllo da parte del personale ATS, si ricorda che i gestori devono mettere a disposizione i seguenti documenti:

  • Documento di valutazione e gestione del rischio legionella;
  • Presenza di un piano di autocontrollo per ricerca di legionella e relativi esiti;
  • Schema dell’impianto, planimetria e documentazione fotografica;
  • Registro di manutenzione dell’impianto;
  • Schede tecniche dei prodotti utilizzati per la pulizia e disinfezione

 

CIRCOLARE      (scarica)

LINEE GUIDA      (scarica)

SCHEDA PER CENSIMENTO      (scarica)

Rispondi