News

6 Giu 2017

Cancelli automatici: obbligo di marcatura CE regolato da Norma UNI

Sia le porte che i cancelli automatici (ma anche quelli ad azionamento manuale) sono soggetti a Direttive Europee. Infatti, entrambe le tipologie fanno direttamente capo alla Direttiva Macchine ed alla Direttiva sui Prodotti da Costruzione. Pertanto, esistono precisi obblighi circa la loro conformità alle suddette direttive: tali requisiti sono inserite nelle apposite norme tecniche che il costruttore deve conoscere ed applicare. In particolar modo, per quanto riguarda porte e cancelli si fa riferimento alla norma UNI EN 13241:2016.

Norma UNI EN 13241, cosa è previsto per i costruttori di cancelli automatici

La Norma UNI EN 13241:2016 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale UE ad ottobre 2016 e rappresenta una revisione della precedente versione del 2011. Si tratta della nuova norma di riferimento per la sicurezza e le prestazioni di porte, cancelli e barriere. Tali prodotti devono essere installati in aree accessibili alle persone ed avere come finalità principale il fornire accesso sicuro a persone, veicoli e merci in edifici industriali, commerciali o residenziali.
La Direttiva Macchine prevede specifiche azioni da mettere in atto. Di seguito l’elenco degli interventi che, ricordiamo, si applicano non solo ai cancelli automatici ma alle “macchine” in generale.

  • Prove iniziali sul prodotto, eseguite da un laboratorio riconosciuto;
  • Controllo della produzione in fabbrica da parte del costruttore;
  • Etichettatura del prodotto con marchio CE;
  • Dichiarazione di conformità CE rilasciata dal costruttore;

Al fine di adempiere efficacemente a questi obblighi, sarà necessario pianificare le seguenti fasi:

  1. Scelta dei campioni da sottoporre a verifica da parte del laboratorio riconosciuto. In questo caso, siccome la scelta spetta al produttore, si consiglia di schematizzare i prodotti in Famiglie e di sottoporre a test un prodotto rappresentativo di ogni famiglia;
  2. Predisporre la documentazione tecnica. All’interno di questa categoria rientrano ad esempio il Fascicolo Tecnico, il Manuale d’uso e manutenzione e la Dichiarazione di conformità CE;
  3. Esecuzione di prove e misure sul prodotto con rilascio del rapporto di prova da parte del laboratorio riconosciuto;
  4. Adozione del cosiddetto Piano di Controllo della Produzione;
  5. Immissione del prodotto nel mercato europeo.

In materia di Certificazione macchine e marcatura CE, S.G.I. offre supporto alle aziende nell’adempimento di quanto previsto dalla Direttiva Macchine. Qualora necessitaste di ulteriori informazioni non esitate a contattarci all’indirizzo info@sistemigestioneintegrata.eu

Rispondi