News

19 Set 2017

Apparecchi di sollevamento, INAIL pubblica la guida alla prima verifica

Quasi in ogni azienda sono presenti apparecchi di sollevamento, dal carroponte alle gru a torre. Il corretto utilizzo di questi macchinari è fondamentale per la salvaguardia della sicurezza sul lavoro. Sia il D.Lgs. 81/08 che la Direttiva Macchine (2006/42/CE) rappresentano la normativa di riferimento in materia. Tra gli obblighi previsti vi è anche l’effettuazione di specifiche visite periodiche. Scopo di tali ispezioni è la valutazione dello stato di conservazione ed efficienza ai fini della sicurezza. Per cercare di fare luce su quanto previsto per le verifiche sugli apparecchi di sollevamento, INAIL ha pubblicato una nuova guida. Analizziamo i contenuti della pubblicazione, per approfondire gli obblighi in capo alle imprese su un tema tanto delicato.

Verifiche periodiche macchine e apparecchi di sollevamento, cosa sta alla base della Guida INAIL

Il volume pubblicato da INAIL fornisce utili indicazioni per la gestione tecnico-amministrativa della prima verifica periodica. Tali verifiche sono prescritte come obbligo del datore di lavoro dall’art. 71 del D.Lgs. 81/08. La pubblicazione è la prima di una serie che analizzerà via via tutti gli apparecchi di sollevamento. Nella fattispecie, in questo volume vengono trattati:

  • Gru a ponte;
  • Gru a cavalletto;
  • Gru Derrick;
  • Gru a braccio rotante.

Per ogni tipologia, vengono descritte caratteristiche costruttive e date indicazioni utili per la compilazione della scheda tecnica e la redazione del verbale di verifica periodica. Tutti questi elementi devono infatti essere redatti ai sensi del D.M. 11 aprile 2011. Tale normativa è il Decreto di recepimento nell’ordinamento italiano della Direttiva Macchine.
Il volume nasce dal fatto che, ai sensi del D.M. 11 aprile 2011 INAIL è il titolare della prima verifica. Da qui la necessità di uniformare il comportamento delle unità territoriali impegnate nella conduzione delle prime verifiche.

Volume INAIL apparecchi di sollevamento, i contenuti principali

Le istruzioni contenute nella guida INAIL vogliono proporsi come esempio di possibile armonizzazione dell’approccio alla prima verifica periodica su tutto il territorio nazionale. Nella pratica, si definiscono modalità di conduzione dei controlli utili per tutti i soggetti coinvolti nel processo di verifica. Inoltre, tali metodi  armonizzati aiutano ad assicurare agli utenti che le verifiche periodiche siano svolte con comportamenti coerenti.

Nella fattispecie, la guida si compone di capitoli specifici riguardanti:

  • La comunicazione di messa in servizio/ immatricolazione di un apparecchio di sollevamento;
  • Richiesta della prima verifica periodica;
  • Campo di applicazione. Quest’ultima parte è composta da capitoli specifici per ognuna delle tipologie di macchinario sopra citate.

La guida si compone inoltre di un’appendice contenente delle specifiche liste di controllo per i diversi tipi di attrezzatura, dove vengono riportati gli elementi che costituiscono l’attività di verifica.

S.G.I., attraverso la collaborazione con professionisti qualificati, garantisce alle aziende l’adempimento degli obblighi previsti per gli apparecchi di sollevamento. Si erogano ad esempio corsi di formazione per l’utilizzo di carroponte e gru a torre, con specifiche prove pratiche ad hoc. Inoltre, si effettua la verifica periodica delle attrezzature e si procede all’eventuale marcatura CE ai sensi della Direttiva Macchine. Per ulteriori informazioni, contattateci all’indirizzo info@sistemigestioneintegrata.eu 

Rispondi