ADR 2023: le principali novità per il trasporto di merci pericolose su strada

Nel 2023 entrerà in vigore il consueto aggiornamento biennale del Regolamento internazionale ADR sul trasporto delle merci pericolose che diventerà obbligatorio dall’1 luglio 2023.

La normativa coinvolge tutti i soggetti incaricati nel trasferimento di merci pericolose (speditore, caricatore, trasportatore, destinatario) che hanno la responsabilità della classificazione delle merci, della scelta degli imballaggi e/o della redazione dei documenti che accompagnano il trasporto.

Date le numerose modifiche del testo dell’ADR 2023, di seguito riassumiamo le più rilevanti

  • Al paragrafo 1.1.3.6 sulle esenzioni per unità di trasporto, è introdotto il numero ONU 3291 – Rifiuti ospedalieri/medicali N.A.S., classe 6.2 – alla categoria di trasporto 2.
  • Aggiunto un nuovo paragrafo, 1.1.4.7, sui Recipienti a pressione ricaricabili autorizzati dal Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti d’America.
  • Il capitolo 1.2 cambia denominazione in “Definizioni, unità di misura e abbreviazioni”. Alcune definizioni hanno subito modifiche sostanziali, come quelle per materie plastiche riciclate pressione di servizio, e ne sono state introdotte di nuove come involucro di recipiente a pressione, materia plastica rinforzata con fibre, serbatoio interno. 
  • Nella lista delle rubriche collettive della classe 3 (liquidi infiammabili) è stata eliminata la rubrica UN 1169 e modificata la UN 1197 in “ESTRATTI, LIQUIDI per aromatizzare”.
  • Nella lista del 2.2.52.4 sono stati aggiunti 3 perossidi (UN 3105, UN 3107, UN 3117) con diverse concentrazioni ed aggiunta una nuova nota al perossido di acetilacetone.
  • Per la classe 8, è specificato al 2.2.8.1.5.2 di attribuire il gruppo di imballaggio I per quelle materie corrosive alle quali non è possibile definire il gruppo di imballaggio in base ai test.
  • Aggiunta una nota per la classificazione delle miscele per le categorie cronica 1 e 2 della classe 9 quando si hanno dati sulla tossicità: se il valore di CEx o NOEC della miscela ottenuto dalla prova è inferiori a 0,1 mg/l, non è necessario classificare la miscela in una categoria di pericolo di lunga durata.
  • Modificata la documentazione e le disposizioni relative al trasporto dei rifiuti quando non è possibile misurare la quantità esatta dei rifiuti trasportati. Sul documento di trasporto dovrà comparire la dicitura: “QUANTITÀ STIMATA CONFORMEMENTE AL 5.4.1.1.3.2”.
  • Le cisterne destinate al trasporto di gas liquefatti infiammabili devono essere munite di valvole di sicurezza e devono avere una marcatura per le valvole di sicurezza.
  • Esteso l’obbligo degli estintori automatici e della protezione termica sui veicoli industriali che trasportano alcuni liquidi e gas infiammabili.

Nomina consulente ADR per gli speditori entro 31 dicembre 2022

Ricordiamo che l’ADR 2019 ha incluso anche gli speditori tra i soggetti obbligati a nominare un consulente ADR. La misura transitoria ha permesso alle imprese identificate solo come speditori, e che non avevano ancora nominato un consulente ADR, di usufruire dell’esenzione fino al 31 dicembre 2022.

Fonte: Normativa ADR 2023

Consulenza ADR

C O N T A T T A C I info@sistemigestioneintegrata.eu

— Ti piacciono
i nostri contenuti?

Non perderti nessuna novità con la newsletter SGI