News

19 Feb 2018

Emissioni odorigene, cosa prevede la nuova normativa in materia

//
Commenti0

Dopo diversi anni dall’entrata in vigore del D.Lgs. 152/2006 in materia di ambiente, finalmente viene inserito un riferimento anche al problema delle emissioni odorigene. Questo riferimento fa parte di alcune modifiche al Testo Unico Ambientale contenute nel D.Lgs. 183/2017, che ha aggiornato e ridisegnato la Parte Quinta (quella relativa alle emissioni in atmosfera) del D.Lgs. 152/06. Entrato in vigore dal 19 dicembre, analizziamo come questo nuovo Decreto cambia lo scenario normativo.

Il nuovo Art. 272-bis, cosa cambia

Per ciò che riguarda le emissioni odorigene, il nuovo decreto introduce all’interno del Testo Unico lo specifico articolo 272-bis. Con questo articolo, il legislatore riconosce la possibilità per le normative regionali e per le Autorità Competenti di prevedere, in sede di autorizzazione, delle misure di limitazione e prevenzione delle emissioni di odori.

Questa scelta non fa altro che inserire ufficialmente nell’ordinamento una serie di poteri che le Giunte Regionali esercitavano già attraverso la pubblicazione di specifiche linee guida. Ai sensi del nuovo art. 272-bis, le misure adottabili riguardano ad esempio:

  • Valori limite di emissione;
  • Portate massime;
  • Concentrazioni massime;
  • Prescrizioni specifiche per impianti ad alto impatto odorigeno. Un esempio di tali prescrizioni può essere l’obbligo di attuazione di piani di contenimento.

Dal punto di vista pratico, la nuova normativa comporta conseguenze relative sia all’impianto sanzionatorio che al sistema giudiziario. Per ciò che riguarda le sanzioni, il fatto che i valori limite siano indicati all’interno dell’Autorizzazione comporta che il loro superamento dia luogo a sanzioni (nella fattispecie, una sanzione pecuniaria fino a 10.000 euro o l’arresto fino ad un anno).
Per i giudici, invece, queste modifiche comporteranno una semplificazione non da poco, poiché finora si sono visti costretti a basare le sentenze sul concetto di “tollerabilità”, per definizione soggettivo. Con l’introduzione di valori limiti, invece, riusciranno a basarsi su dati oggettivi per valutare correttamente la legittimità o meno delle emissioni odorigene.

L’importanza del monitoraggio delle emissioni odorigene

Grazie alla collaborazione di SGI ed alle competenze del suo staff, le aziende soggette ad Autorizzazione possono procedere ad un continuo ed efficace monitoraggio delle emissioni odorigene legate alla propria attività.
In particolare, il servizio offerto da SGI in questo campo consiste nella verifica del rispetto dei limiti previsti, oltre che nella simulazione della diffusione nell’aria delle sostanze emesse.

Circa alla verifica dei limiti, con strumentazione propria si procede all’indagine olfattometrica con campionamenti e successiva analisi odorimetrica del campione presso laboratorio accreditato. Inoltre, attraverso una centralina meteoclimatica è possibile valutare parametri fondamentali come direzione e velocità del vento.
Per quanto attiene invece la parte simulativa, elaborando i dati raccolti dalla centralina tramite un software CALPUFF è possibile stimare l’immissione degli odori presso recettori sensibili (come ad esempio case, scuole, etc.).

Per ulteriori informazioni sui servizi in materia di tutela ambientale offerti da SGI, non esitate a contattarci all’indirizzo mail info@sistemigestioneintegrata.eu oppure al numero 0363351758.

Rispondi

Il nostro sito usa cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci consentono in alcun modo di identificarti direttamente. Approfondisci cliccando Maggiori Informazioni e leggi come rifiutare tutti o alcuni cookie. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi